#ripartidazerA

zerA   è ripartire da zero con la A che include l'anima femminile

zerA   è Zerah, dall'ebraico significa sorgere, salire, brillare

zerA   è Z e A, inizio e fine che si alternano e si scambiano

zerA   è Alba, la fiducia in ogni inizio


L'Associazione Culturale zerA si costituisce ufficialmente nel Febbraio del 2017 a Sesto Fiorentino (Firenze), mettendo insieme le energie e le progettualità di artisti che precedentemente si sono formati e hanno lavorato in differenti contesti, in particolare Alessia De Rosa (Presidente) e Andrea Bruni (Socio Fondatore).

zerA si fonda sulla fiducia che ogni forma di espressione creativa ed artistica è strumento fondamentale di crescita personale, consapevolezza e benessere. L’atto creativo è inteso come urgenza di vita per ciascuna persona ed in ciascuna fase delle sua crescita, come possibilità di riportare equilibrio ed armonia a tutti i livelli, corporeo, mentale, spirituale, migliorando l’integrazione psicofisica e la comprensione olistica dell’essere umano.

La nuova Associazione Culturale nasce sulle fondamenta di precedenti esperienze collaudate nel tempo, sia in ambito formativo che nella creazione e messa in scena di rappresentazioni teatrali.  Da una parte le attività proposte da zerA sono percorsi di formazione nei quali è possibile sperimentare la pratica teatrale partendo dall'ascolto di sé e mettendo al centro le proprie specificità espressive, che diventano poi il contenuto di spettacoli e performance teatrali. Dall'altra parte zerA si costituisce per la produzione di eventi culturali e spettacoli teatrali. Nelle produzioni, si ha una spiccata attenzione al movimento corporeo e alla sua integrazione armonica con la parola, ad un uso sempre più libero e surreale del gesto e dell'azione, cogliendone la loro essenzialità, e declinandole nel poetico e nel comico senza cesure, bensì potenziando l’alternarsi di questi due registri. L’integrazione di forme artistiche differenti è un altro tratto distintivo delle produzioni di zerA.


Download
La nostra storia in breve
CV_zera_luglio2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 278.6 KB